Mario Piacentini

Mario Piacentini è nato a Trescore Cremasco nel 1957, si è diplomato in pianoforte nel 1979. Tra i suoi insegnanti figurano Anita Porrini - a sua volta allieva prediletta di Arturo Benedetti Michelangeli - e Lea Roussell. Ha studiato composizione ai corsi di Dario Maggi e ai seminari di Gerard Grisey e Brian Ferneyhough. Si è dedicato allo studio del jazz con Guido Manusardi, Harold Mabern e con Herbie Hancock al Mozarteum di Salisburgo. Dal 1982 al 1988 ha tenuto circa 200 concerti in collaborazione con prestigiosi jazzisti italiani e stranieri e nel 1989, durante una tournè in Spagna, ha registrato per Jazz entre amigos, programma cult della tv iberica degli anni '80. Dal 1988 al 1994 si è dedicato alla registrazione discografica incidendo 2 LP in trio (con Roberto Bonati e Anthony Moreno), un CD in quartetto (con l'aggiunta di Paul McCandless) ed il CD per piano solo Igarclau di cui Giorgio Gaslini ebbe a scrivere: "finalmente un disco di un vero pianista". Il 3 gennaio '97 ha effettuato negli studi della Rai in Roma un concerto per piano solo trasmesso in diretta nazionale da Radio Tre Suite. E' autore della colonna sonora del film Memoria (di Marcello Pezzetti e Liliana Picciotto Fargion, regia di Ruggero Gabbai), lungometraggio selezionato al Festival del Cinema di Berlino 1997 e trasmesso nell'aprile dello stesso anno da Rai 2 in prima serata. In occasione della presentazione del film al Parlamento Italiano, Mario Piacentini è stato ricevuto, con gli autori, dai presidenti delle Camere. Nello stesso anno, ha pubblicato un CD in trio con Piero Leveratto ed Elliot Zigmund (batterista del leggendario Bill Evans).Quest'ultimo CD , 12 in dodici, si è imposto all'attenzione della critica nella classifica realizzata annualmente dalla più autorevole rivista italiana del settore, Musica Jazz che gli ha inoltre riservato un'intervista. Il riuscitissimo concerto Le note di San Lorenzo del 1998 - realizzato in trio con Piero Leveratto e Roberto Gatto - è documentato nell'omonimo CD distribuito dalla Splasc(h) Records . Nell’Aprile 2001 è stato ospite, in diretta nazionale per una settimana ,di Invenzioni a due voci, programma di Rai Radio Tre. Nel Maggio 2001 ha accompagnato Mark Murphy ,vincitore del referendum della rivista americana Down beat (leader del settore) quale migliore cantante jazz dell’anno 2000 ,ospite a Brescia nella rassegna Jazz e letteratura. Nel 2002, in collaborazione con Maurizio Dell’Olio, realizza il Cd Children e con la Millennium Bug Orchestra il Cd Oliver Nelson:composer & arranger, A Tribute, registrazione live di un concerto dedicato a Oliver Nelson tenutosi nell’anfiteatro del Museo d’arte contemporanea “Luigi Pecci” di Prato. Nell’estate 2005 registra il cd Ancora sogni, dedicato alla canzone italiana e realizzato con Riccardo Fioravanti al contrabbasso e Marco Tonin alla batteria. La rivista italiana Jazz Magazine lo seleziona fra le tre produzioni discografiche italiane da classificare tra le 10 migliori produzioni discografiche del 2005. Nel Gennaio 2006 realizza la colonna sonora del film L’anticamera dell’inferno (sempre di Marcello Pezzetti e Liliana Picciotto con la regia di Ruggero Gabbai) trasmesso da RAI 1 nello Speciale TG 1. E’ in preparazione un nuovo CD (sempre con Fioravanti e Tonin) in collaborazione col prestigioso sassofonista norvegese Tore Brunborg. "Tra i musicisti italiani di jazz che possono essere paragonati agli "unsung heroes" americani va annoverato senza dubbio Mario Piacentini, uno dei nostri migliori pianisti". “S.G. Biamonte “Mario Piacentini uno dei più sensibili pianisti del Jazz italiano”. Ernesto de Pascale “Tocco,articolazione delle frasi e progressioni armoniche rivelano una superiore padronanza della tastiera.” Maurizio Franco “il pianismo di Mario Piacentini brilla soprattutto per una qualità:l’intensa libertà interiore,il tentativo di uno scavo profondo dentro le note e più ancora dentro l’animo di chi suona e di chi ascolta.” Roberto Parmeggiani